top of page

Arianna È la sua terra


Più proseguo questo mio viaggio e maggiormente comprendo attraverso le idee, i progetti, le difficoltà di persone che rispettano la terra, che loro difficilmente vivono grazie a "sogni" che sono invece quelli che la pubblicità alimentare ci propina continuamente per rendere green e salutari alimenti che non lo saranno mai.


Credo di avere realizzato che chi sceglie la direzione contadina, e prima ancora del rispetto per il suolo, non abbia necessità di farci "sognare a occhi aperti" perché la relazione con la terra fa molto più di questo.


Fa "vivere a occhi aperti" la meraviglia della natura; mentre la grande fatica che questi individui profondono in campo viene ripagata dalla gioia di sentire e vedere di avere avuto ragione nel seguire la propria vocazione, e credo che il rapporto onesto con il suolo conceda la possibilità di non passare dal sogno per arrivare a offrire il proprio progetto contadino e alimentare alla propria comunità locale.


Vedere che ci si trasforma in custodi della vita che si crea insieme al suolo, io sono convinto sia molto vicino alla magia a volte, molto simile al miracolo altre e sicuramente è vera vita che richiede estremo impegno, che alle volte nemmeno basta; ma è lo spettacolo della vita che cercano, trovano, dirigono, studiano, scoprono e confermano insieme al suolo che li sostiene e gli conferisce forza e tutto ciò è meraviglioso. Tutto questo è molto più forte delle braccia di un Morfeo pubblicitario che ci traghetta nel sogno di un biscotto industriale che promette di "renderci felici" in un sacchetto di plastica riciclato al 32%, fatto con grano italiano, detto come se fosse sostenibile e di estrema qualità, un biscotto che in realtà porta felicità semplicemente a chi si arricchisce a discapito di natura, vita e della nostra intelligenza.


Per questo motivo noi tutti abbiamo il diritto e il dovere di "svegliarci dal sogno pubblicitario profondo" e continuare sempre più a servirci localmente delle risorse di terre sane intorno a noi, che finalmente tutelano suolo, ambiente, la nostra salute alimentare e il nostro benessere sociale: probabilmente anche quello mentale.


Mettere in pratica un progetto come quello di Arianna, farlo alla sua età, genera il privilegio di vivere nel futuro dell'alimentazione, che non è l'insostenibile sistema industriale alimentare che ci sta portando a picco; la comunità che lei nutre, non solamente con alimenti sani, sta vivendo nel futuro pulito dell'alimentazione e della vita: questa è la scelta da fare per alimentarsi senza consumare natura, senza inquinare e in maniera salutare.


Cara Arianna chapeau a te e al tuo ragazzo: non mollare!


Buona visione :)


Cliccate qui sotto per ascoltare la testimonianza "Il Vecchio Gelso"

Spero che questo mio lavoro vi ispiri affinché possiate iniziare a scegliere alimenti locali e vicini che per nascere, crescere e raggiungerci non consumino il nostro ambiente ma creino buona salute e della sana socialità. Se questa realtà si trova nella vostra zona contattatela per comprendere in che maniera potrete servirvi delle sue risorse oppure per ispirarvi e realizzare il vostro progetto.


"Il Vecchio Gelso" Località Ai Rocche 3, Bastia - Mondovì


La nostra terra e la vostra salute vi ringraziano.









 

CHIUNQUE SIA ARRIVATO FIN QUI, ORA POSSIEDE IL GRANDE POTERE DI DARE FORZA AL PROGETTO CONDIVIDENDO IL PIU' POSSIBILE QUESTA TESTIMONIANZA, AFFINCHE' AUMENTI SEMPRE PIU' IL NUMERO DI PERSONE CHE COMPIONO LE SCELTE GIUSTE PER LA PROPRIA SALUTE E PER QUELLA DELLA TERRA.

 
97 visualizzazioni

Comments


bottom of page